Quanta acqua bere e perchè fa bene ai muscoli

L’acqua è una sostanza importantissima per il nostro organismo. Non tutti sanno che è indispensabile anche per sostenere il sistema muscolare.
In questo articolo ti spiegherò la relazione tra muscoli e acqua e, insieme, capiremo quanta acqua bere ogni giorno per assicurarti una corretta idratazione.

Il nostro corpo è composto per il 65-75% da acqua. Bere con regolarità durante la giornata è necessario per mantenere la nostra salute in buono stato.
Il suo consumo è di vitale importanza, i liquidi persi tramite sudore, evacuazione e altri fluidi corporei devono essere reintegrati per assicurare il corretto funzionamento dell’organismo ed evitare complicazioni di salute. Soprattutto durante l’attività fisica e nei periodi più caldi, bisogna prestare particolare attenzione.
Ecco alcune dei principali benefici di una corretta idratazione:

  1. tramite la sudorazione, l’organismo perde magnesio, potassio e sodio. Una corretta idratazione permette di reintegrare i minerali persi evitando sensazione di fatica, debolezza muscolare, crampi e spasmi;
  2. regola il volume cellulare e la temperatura corporea;
  3. bere molta acqua mantiene reni e fegato in salute consentendo di eliminare facilmente le tossine;
  4. facilita la digestione e l’evacuazione;
  5. regola la temperatura corporea;
  6. favorisce lo sviluppo muscolare.

Un sistema muscolare ben idratato è un sistema muscolare più efficiente; l’acqua ti aiuta a smaltire il cortisolo, il cosiddetto ormone dello stress, soprattutto in soggetti che praticano attività fisica. Il cortisolo è un ormone che ha un effetto catabolico sul tessuto muscolare, cioè tende a “distruggerlo” per produrre energia, l’acqua contrasta tale attività catabolica.
Inoltre mantiene le articolazioni lubrificate e aumenta l’elasticità e tonicità dei muscoli.

Quanta acqua bere giornalmente?

Non beviamo solo quando sopraggiunge lo stimolo della sete, occorre anticipare la sete con una costante idratazione, bere tanto e con regolarità.
La quantità di acqua da consumare al giorno è compresa tra 1200 ml (6 bicchieri da acqua) e 2000 ml (10 bicchieri da acqua). Ma prendi questa risposta con le pinze, perché il quantitativo di acqua che ti richiede l’organismo dipende da diversi fattori.
Il peso corporeo è la variabile più importante, con l’aumentare del peso aumenta il fabbisogno di acqua, poi, bisogna tener conto del lavoro svolto e dell’attività fisica giornaliera: più l’attività sportiva o il lavoro sono intensi, più bisogna bere.
Il consumo medio di 1500 – 1600 ml possiamo ottenerlo essere consumando: un bicchiere di acqua a colazione, due bicchieri di acqua a pranzo, due bicchieri di acqua a cena e mezzo litro di acqua lontano dai pasti.

Quali sono i sintomi della disidratazione

 

È importante che impariate a individuare i segni di disidratazione, se non bevete abbastanza il vostro corpo ve lo comunicherà tramite svariati sintomi. Alcuni di essi potrebbero essere:

  • debolezza;
  • crampi muscolari;
  • mal di testa;
  • stitichezza;
  • stati confusionali

P.S. I tuoi muscoli sono fatti per il 75% di acqua. Ciò significa che se non bevi abbastanza il tuo corpo preleva l’acqua che gli serve dai tessuti che ne sono più ricchi, ossia proprio dai muscoli: ne consegue che, essendo il tessuto più sacrificabile, diventano dolenti e ipotonici.
 Il risultato? Non saranno più in grado di sostenere adeguatamente la colonna vertebrale ed il peso del tuo corpo, causando dolori articolari e vertebrali.
Se ritieni l’articolo di utilità, condividilo con chi può trarne beneficio. Grazie.
Se hai domande, non esitare a contattarmi > +39 3200663924 (anche WhatsApp)

Condividi questo post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

Iscriviti alla mia newsletter!

-

Potrebbe interessarti:

Cura della persona

Artrosi soluzione per il dolore

L’artrosi è la principale causa di dolore e disabilità muscolo scheletrica in tutto il mondo. È una malattia cronica e degenerativa che colpisce le articolazioni, ed è

Cura della persona

Nervi accavallati: sai cosa sono?

Nel linguaggio comune, sentiamo parlare di “nervo accavallato” per indicare un dolore pungente e localizzato di tipo muscolare, situato generalmente nella zona cervicale e lombare.